Periferie in centro: Curial-Cambrai

Con il loro caratteristico e raffinato disegno a greca le facciate delle 16 torri della Cité Curial Cambrai si distinguono tra le residenze sociali nella regione parigina. Concepite nel 1966 dall’architetto André Coquet, in collaborazione con D. Auger, Jean-Pierre Cazals, P. Hayoit de Bois-Lucy e Bernard-Jean Massip, oggi costituiscono la più grande Cité all’interno del…

Vertigine geometrica

Ero arrivata da poco in Francia quando nella mia ricerca sugli alloggi sociali degli anni ‘60 mi sono imbattuta nel quartiere Les Orgues de Flandre. Dapprima l’ho scoperto dalle spettacolari foto di Laurent Kronental, ritrovate su internet, e dalle incisioni di Mehdi Zannad. Solo nell’estate 2017 ho portato la mia macchina fotografica sul posto per…

Palcoscenico urbano: Abraxas

Les Espaces d’Abraxas, è un complesso residenziale progettato da Ricardo Bofill, e realizzato tra il 1978 ed il 1983 a Noisy Le Grand, facente parte della ville nouvelle di Marne-la-Vallée. I 610 appartamenti dovevano rappresentare un esperienza innovativa in tema di Grands Ensembles, sia per la caratteristica monumentale e iconica del progetto sia per l’idea…

Complesso residenziale Les Choux de Créteil

La residenza collettiva soprannominata les Choux de Créteil, situata in Val de Marne alle porte di Parigi è una delle realizzazioni più emblematiche degli anni Settanta. Progettato dall’architetto Gérard Grandval, questo grande complesso residenziale è stato costruito fra il 1969 ed il 1974, su una pianura a vocazione agricola, anticamente adibita alla produzione di ortaggi;…

Le fotografie ritrovate

Fotografie… memoria. A volte torno in Italia. Il tempo limitato e predefinito dei miei soggiorni è un vincolo ed uno strumento allo stesso tempo. Mi nutro di ricordi. Accedo alle mie fonti. Leggo, rileggo e ritrovo le tracce. Sintesi, selezione, scarto. Fra le tracce più preziose da recuperare in questo ultimo viaggio c’era un ricordo…

Josef Koudelka: fotografare l’esilio

Il 22 maggio 2017 si è chiusa la meravigliosa esposizione « La fabrique d’exils » del fotografo Josef Koudelka, al Centre Pompidou di Parigi. “ Essere un esiliato comporta azzerare tutto, è un’opportunità che mi è stata data.” È così che Koudelka parla del suo peregrinare attraverso l’Europa, un’esilio iniziato nel 1970, quando a seguito…