Monotipo fotografico

français

Nel mio percorso artistico che prevede di descrivere l’esistenza umana attraverso la rappresentazione delle abitazioni, dell’architettura residenziale popolare ho deviato verso il racconto di uno specifico frammento della vita, quello consacrato alla spiritualità.
Gli angeli di pietra sono figure cariche di una struggente dolcezza. Messe a guardia di un luogo sacro, disposte alle intemperie e al trascorrere del tempo, spesso ne portano i segni, nelle lavature che come lacrime solcano figure e volti. Impongono il silenzio della sorpresa, quando li scorgo passeggiando nella città, sui tetti delle cattedrali, o fra i sacrari.
Sono testimonianze, soprattutto questo, testimonianze, di un’intenzione amorevole; irradiano attorno a sè un aura di di rispetto. Questa prima selezione di immagini a monotipo raccoglie le statue d’angeli incontrate a: Cimitero di Bromton, Londra, Cimitero acattolico di Roma al Testaccio, Cimitero di Montmartre, Parigi, Chiesa del Sacro Cuore a Gentilly.

Il monotipo fotografico

Ho fotografato queste statue d’angeli con una macchina digitale ed ho riprodoto su carta i fotogrammi attraverso la tecnica di stampa fotografica artigianale, il monotipo fotografico o “Gum Print” sviluppato negli Stati Uniti a partire dagli anni ’60. Nel passaggio dalla foto digitale all’opera unica l’immagine compie una sorta di trasfigurazione, i contorni sfumano i dettagli si caricano di indizi accidentali, l’immagine è sospesa in un tempo indefinito, la stessa aura atemporale che gravita attorno a queste figure ieratiche. Questa tecnica mi permette di ritrovare nell’immagine l’atmosfera che ho percepito.

Per l’uso della tecnica mi avvalgo della gomma arabica, storicamente utilizzata agli albori della stampa antica, ed oggi tornata in auge grazie alla tecnica gum print. Il procedimento prevede la creazione di una matrice con l’immagine da stampare trattata alla gomma, successivamente l’inchiostratura e la stampa con il torchio calcografico per incisione.

Foto originali ottenute da un apparecchio digitale Fuji XT1; tecnica di stampa, monotipo fotografico gum printing all’inchiostro calcografico. Dimensione della stampa 40×28 cm su carta Fabriano Rosaspina 70 x 50 cm.